bio Maieutica - Tecniche olistiche, Aura Soma, Feng Shui e alimentazione macrobiotica
Vai alla Homepage
 
bioArgomenti
bioSalute
bioDiscipline
bioInfo
Io
Cosa faccio
Contatti
Partner
Il giardino dei libri
www.ilgiardinodeilibri.it
Macrolibrarsi
vai al sito macrolibrarsi
bioChef®>I mattoni>Olii>Sesamo
 
Sesamo
Pianta originaria del Pacifico, ed esattamente dell'Isola della Sonda, fu introdotta nell'estremo Oriente, Giappone, India ed in seguito fu importata in Mesopotamia circa 3000 anni a. C. e dagli Egiziani. La pianta, alta 50-100 cm, appartiene alla famiglia delle Pedaliaceae e presenta frutti a capsula con piccoli semi e diametro compreso tra 1,5 e 2 mm. In passato questa pianta era ritenuta sacra, e faceva parte della composizione di numerose medicine.
Oggi solo in alcuni paesi tropicali, con determinate condizioni di caldo ed umidita', e' coltivata la varieta' Sesamum indicum: si trova in Africa occidentale, dove imprenditori francesi ne hanno impiantato una vasta area a coltivazione biologica, in India, nel sud della Cina ed anche nel Centro America in paesi come Guatemala e Costa Rica.
I semi di sesamo sono ricchi di lipidi contenendo tra il 40% e il .50% di sostanza grassa. Il suo contenuto in acidi grassi saturi arriva come massimo al 15% ed e' ricco di acidi grassi monoinsaturi di cui il piu' importante e' l'acido oleico (30-40%) e acidi grassi polinsaturi, principalmente acido linoleico ed altri acidi grassi essenziali (40-50%). Quest'olio se ottenuto da estrazione a pressione a freddo e' indicato per trattare disturbi cardiovascolari dovuti all'alta percentuale di acido oleico. Questo da solo e' capace di modificare positivamente la relazione tra colesterolo buono (HDL) e cattivo (LDL), anche per il contenuto di lecitina eccezionalmente elevato. Solo la soia ne contiene una percentuale maggiore, ma quest'ultima non ha un'elevata resistenza all'ossidazione. La lecitina e' un fosfolipide che ha un importante ruolo salutistico giacché ha un'azione solubilizzante dei grassi presenti nella circolazione sanguigna. La fluidita' del sangue conferita da questo fosfolipide, evita il deposito di grasso e di colesterolo nelle nostre arterie.
Queste caratteristiche nutrizionali sono salvaguardate dalla spremitura a freddo, che consente di ottenere un olio molto fluido di colore giallo chiaro con un sopraffino gusto mandorlato.
Si puo' usare con insalate, zuppe di verdura, nei piatti agrodolci e nella preparazione di prodotti da forno, per la facilita' d'amalgama e per la resistenza alle alte temperature.

bioPositivo
bioGiorno
bioOroscopo
bioMeteo
bioVocabolario
bioForismi
bioTeca
bioPalestra
bioSmorfia
bioChef®
I mattoni
I componenti fondamentali per una sana alimentazione
Le ricette
bioFocus
Approfondimento
Anche i legumi hanno una storia
bioCuriosità
La leggenda del raviolo
Il Formaggio di fossa e...
Di che pianta sei...
Carote viola...
Parliamo di
Olio d'oliva
bioMenù
bioMenù: inverno
bioCollegamenti
Links
Controllo qualita'
Audiopsicofonologia

Informazioni

© Gli scritti e le immagini sono di proprietà di bioMaieutica ® (Marchio e logo registrati). E' fatto espresso divieto di utilizzo da parte di terzi.

Disclaimer


- P.IVA 01673140099-